11. Quando sparisce l'oro blu

23.06.2019

L'acqua è una risorsa così preziosa da chiamarla oro blu. Ma i ghiacciai si sciolgono e i campi si inaridiscono. La visita in Spagna è servita a Capitan Saetta per capire che i problemi dei raccolti non riguardano solo i paesi sottosviluppati ma possono colpire anche vicino a noi. Ora il Capitano è nell'ufficio del Professor Green, impegnato in una fitta conversazione.

"Professore, come vi siete infilati in questo pasticcio di far morire i raccolti per mancanza d'acqua e peggiorare la crisi alimentare?"

"Come ti ho già detto, bisogna prima guardare alle nostre spalle per capire da dove arrivano le cause di questa situazione. Si tratta di abitudini e stili di vita del passato che non siamo riusciti a cambiare. E invece ci dovremmo convincere che occorre ragionare in maniera diversa rispetto al vecchio modo di vedere le cose. 

"Anche qui, in Italia dico, dovreste imparare a ragionare in modo diverso?"

"Sarebbe proprio il caso. Ma temo che sia troppo tardi. Riesci a immaginare come cambierà la nostra vita senz'acqua? Prova a pensare quante cose fai con l'acqua: la bevi, fai la doccia, lavi i piatti e la biancheria...."

"Ma Professore, un Supereroe non lava la biancheria...."

"Era così per dire... che tu lavi o no la biancheria non mi interessa. E poi, scusa, come sarebbe a dire che non lavi la biancheria? ...Oh insomma! L'acqua è essenziale per la vita sulla Terra, non si può vivere senza. Non per niente qualcuno la chiama oro blu."

"Però al momento almeno da queste parti di acqua in giro ce n'è in abbondanza. Se apro il rubinetto ne sgorga quanta ne voglio!"

"Sbagliato, babbeo. L'acqua si sta riducendo ovunque a livelli di guardia. Ovviamente non parlo dell'acqua di mare, che è salata e non possiamo usarla se non per farci una bella nuotata quando andiamo in vacanza, sempre che non sia inquinata. L'acqua di cui abbiamo soprattutto bisogno è quella dolce, che proviene dai ghiacciai di montagna, scende lungo i fiumi, si alimenta con le piogge, riempie i bacini dei laghi. Lo sai qual è l'uso principale dell'acqua nel pianeta Terra?"

"Bere quando abbiamo sete?"

"Sei completamente fuori strada e non mi hai seguito con attenzione! La parte principale della nostra acqua viene utilizzata per irrigare i campi. Serve un'enorme, inimmaginabile quantità di acqua per far crescere le piantine di riso, grano, mais e soia, per il nostro cibo e per dar da mangiare agli animali d'allevamento."

"Da solo non ci sarei mai arrivato..."

"Ascoltami bene superfusto: ciascuno di noi beve in media circa quattro litri al giorno di acqua ma per produrre il cibo che arriva sulla nostra tavola servono circa altri duemila litri al giorno per ciascuno. Hai afferrato? Duemila litri! Solo in Italia, per mangiare e bere consumiamo più di centoventi miliardi di litri ogni giorno che passa."

"Da non credere! Allora, se non ho sbagliato a fare i conti, ogni volta che beviamo un litro d'acqua è come se consumassimo altri cinquecento litri per produrre il cibo che mangiamo! Ma c'è abbastanza acqua per tirare avanti in questo modo?"

"Come ti ho detto, i miei colleghi che si occupano del problema hanno verificato che nel pianeta, giorno dopo giorno, anno dopo anno, si sta riducendo la quantità di acqua. Dalle nostre parti di acqua per ora ce n'è a sufficienza ma ci sono posti sulla Terra dove non se ne trova più. Tieni, leggi il giornale di oggi. Quasi ogni giorno si verifica una siccità. Qui ad esempio si dice che in Cina, nella regione di Chifeng venti milioni di persone e diciotto milioni di capi di bestiame sono rimasti senz'acqua!"

"Per mille buchi neri dello spazio siderale! Ma come fanno a sopravvivere? Poveretti!"

"Il problema è grave, caro supereroe. Facciamo così: domani mattina, appena alzati, prendiamo l'astronave e visitiamo un posto che ci tengo a farti vedere." ... continua